Le nostre sezioni sono strutturate per accogliere sezioni eterogenee di bambini piccoli, medi e grandi. Gli spazi sono suddivisi per centri di interesse ed ambiti che stimolano il bambino a sviluppare attraverso le esperienze didattiche gli apprendimenti previsti dai traguardi di competenza per le tre fasce di età.

Lo spazio del segno

I bambini trovano, a loro portata sullo scaffale, colori e matite suddivisi ordinatamente in contenitori, che possono prendere per dare libero sfogo alla loro creatività grafica e al successivo racconto della “storia” del loro disegno. Sono presenti anche strumenti e materiali quali forbici e colla, oltre che fogli di diversa fattura e dimensione che il bambino sceglie in base all’attività che desidera svolgere (disegno o ritaglio o altro). I bambini possono, in questo spazio, usufruire anche della “lavagna luminosa” per ricalcare disegni e figure pre-stampati ed affinare quindi la propria concentrazione, l’impugnatura dello strumento e la manualità fine.

 

Lo spazio della manipolazione

A disposizione dei bambini ci sono materiali poco strutturati come la farina gialla, la farina bianca, la sabbia, la plastilina.

Il contatto con questi materiali e la loro trasformazione aggiungendo, ad esempio, dell’acqua permettono ai bambini di manipolare creando nuovi giochi. I bambini arrivano a gestire in completa autonomia tutti i materiali e anche le preparazioni (es. pasta di sale).

Lo spazio simbolico

Lo spazio simbolico che i bambini trovano nelle sezioni è rappresentato dalla cucina e dalla cura delle bambole.

Le attività svolte in questi spazi rispondono al bisogno di movimento finalizzato ad uno scopo reale.

Queste attività piacciono ai bambini perché consentono di imitare l’adulto nelle attività quotidiane, ma anche perché è motivo di grande soddisfazione personale: un piccolo sforzo determina un visibile risultato.

Lo spazio per la lettura

Nelle sezioni i bambini trovano i libri, disposti ordinatamente sulla libreria e alla loro portata.

Il bambino può fruirne ogni volta che ne sente il desiderio ponendo sempre attenzione ai gesti che accompagnano questa attività: prendere il libro e posizionarsi su un tavolino, girare le pagine con cura, riporre ordinatamente il libro quando si è finito di guardarlo.

Lo spazio per le attività di linguaggio

In questo spazio i bambini trovano attività, materiali e giochi che stimolano lo sviluppo del linguaggio e il riconoscimento delle lettere (immagini, giochi in scatola) che progressivamente verranno affiancate a quelle della scrittura.

Lo spazio della pittura          

Nello spazio della pittura i bambini trovano gli strumenti necessari per poter sperimentare i colori attraverso la creazione di macchie ed elaborati (attività gradita ai bambini di tre anni che trovano soddisfazione nel veder lasciare traccia di sé stessi sul foglio), le mescolanze dei colori primari e composti, la conoscenza ed utilizzo di vari strumenti e tecniche pittoriche.

Lo spazio delle costruzioni

Nelle sezioni sono presenti spazi dove i bambini possono giocare a terra con costruzioni, trenino, legni di diverse dimensioni, personaggi e animali.

Ci sono costruzioni e attività che invece il bambino svolge al tavolo, utilizzando chiodini, tavolette con elastici, giochi vari ad incastro, tavolette colorate, forme geometriche.

Lo spazio scientifico  

Nelle sezioni è strutturato uno spazio dell’osservazione scientifica. I bambini possono portare a scuola materiali naturali che i compagni possono osservare.

Il bambino sviluppa il pensiero ipotetico sperimentale attraverso la raccolta di elementi naturali, la suddivisione in categorie (mondo vegetale, animale, minerale), l’esplorazione attraverso i sensi, l’osservazione delle trasformazioni dei fenomeni e degli elementi con alcuni strumenti,formulando ipotesi e ricercando spiegazioni, sperimentando il metodo scientifico-sperimentali e prendendosi cura delle cose della natura.

Lo spazio matematico           

Nello spazio matematico, attraverso i giochi, il bambino sviluppa il pensiero matematico deduttivo, la sequenzialità, la ritmicità, la capacità di raggruppamento,  di approccio alle quattro operazioni e di avvicinamento al simbolico attraverso giochi di quantità, di misurazioni, di seriazioni, attività di routine, calendario e presenze giornaliere.

Lo spazio di vita pratica e travasi

Le attività di vita pratica sviluppano e perfezionano le abilità manipolative dei bambini che le useranno ogni giorno in classe e che sono trasferibili nella vita di tutti i giorni (versare, trasferire, aprire e chiudere, tagliare, infilare, cucire,…).

Per tutti i bambini della scuola delle tre fasce di età sono previsti i progetti trasversali di:

Attività psicomotoria

L’attività in palestra rappresenta per i bambini di qualsiasi età un momento molto gradito perché offre la possibilità di sperimentare il proprio corpo.

I.R.C. (Insegnamento Religione Cattolica )  

La nostra Scuola riconosce in ogni bambina e bambino una spinta vitale immensa ed una dimensione innata di trascendenza che chiedono di essere alimentate nei valori della speranza, della gioia, della tenerezza e della fratellanza secondo il messaggio del Vangelo di Gesù Cristo che ispira l’agire educativo. Per questo l’insegnamento della religione Cattolica è parte integrante della giornata dei bambini, presente in maniera trasversale nella progettualità educativa con particolare attenzione anche alle tappe dell’anno liturgico.

Biblioteca

Nello spazio della biblioteca, i bambini delle tre fasce di età ritrovano un luogo strutturato nel quale hanno accesso ad un numero di libri maggiore rispetto alla sezione. In essa ritrovano i libri suddivisi per fascia di età in modo che ciascuno trovi ciò che è in linea con i suoi interessi e la comprensione.

L’esperienza del bilinguismo

Per i bambini imparare una nuova lingua è semplice e spontaneo: imparano giocando, cantando, mangiando… E’ un processo spontaneo, diverso dall’apprendimento che avviene invece negli anni successivi.  Oltre ad imparare una nuova lingua , il bambino sviluppa una maggiore empatia verso altre culture, ha un miglior sviluppo cognitivo e flessibilità mentale e ha maggiori capacità di comunicazione rispetto ai suoi coetanei.

 

Per questo presso la nostra Scuola dell’Infanzia, la figura educativa madrelingua inglese segue ed accompagna i bambini durante le routines e le diverse attività quotidiane, affiancando l’insegnante di riferimento e comunicando con loro sempre in inglese.